ROSSO PRIMO (serie)

 Riccardo Bargellini - "Rosso Primo"
Riccardo Bargellini - "Rosso Primo"

L’idea che sta alla base di Rosso Primo è quella, in sé e per sé magari singolare, di far coincidere l’interpretazione artistica di una possibile copertina di rivista di moda femminile con un testo poetico, anch’esso alla donna dedicato, e commissionato ai poeti che abbiamo invitati a collaborare. Idea forse singolare, dicevamo, ma soprattutto per questo pretestuoso accostamento tra moda e poesia; perché per il resto il Novecento ci ha ben abituati all’immagine sovrascritta, e proprio le riviste di moda sono stati uno dei terreni più fertili e fecondi di questo incontro grafico fra testo e immagine. I dipinti di Riccardo Bargellini, riprodotti nel volume, sono nati appunto con questa intenzione, adattandosi poi via via alle poesie che ci venivano consegnate dai trentatré poeti che hanno seguito con simpatia e interesse il nostro progetto, e che sono state poi a loro volta inserite all’interno delle immagini da Lisa Cigolini.
 Infine, al punto focale, e forse più ludico, fra invenzione pittorica e visiva del testo, abbiamo chiesto ad ogni poeta che aggiungesse un pensiero o una riflessione sulla relazione fra poesia e tempo, o meglio – così era posta da noi la domanda – fra tempo con la minuscola e Tempo con la maiuscola (tempo della moda e Tempo della poesia? Ma forse semplicemente tempo e Tempo per tutti noi…). Questi pensieri si trovano in appendice al volume, di seguito alle note biografiche degli autori e prima dei testi originali delle poesie, che ci è parso necessario dare ai lettori anche nella loro versione non graficizzata, considerato che tutte queste poesie vengono qui pubblicate per la prima volta in assoluto.

 

Valerio Nardoni

ESSERE NEL MONDO (serie)

L'uomo clessidra 2008. cm 120 x 80
L'uomo clessidra 2008. cm 120 x 80

Serie di pitture presentate nel 2008 in occasione del trentennale della legge 180/Basaglia. Il titolo è ispirato ad una frase "Un certo modo di essere nel mondo" tratta dall'introduzione di Maria Grazia Giannichedda, (docente di Sociologia Politica alla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Sassari) al libro "Conferenze Brasiliane" di Franco Basaglia, promotore e artefice di tutta una serie di iniziative "medico-sociali" tese alla restituzione di diritti e al riconoscimento di dignità ai malati psichiatrici preceden-temente negati.

In un momento di critiche e proposte di revisione della legge 180, le pitture di Riccardo Bargellini sono state un omaggio a chi si è battuto per far si che la chiusura dei manicomi e il successivo inserimento dei pazienti nella società così detta civile diventasse realtà. La mostra  è stata presentata accompagnata da una colonna sonora di trenta canzoni selezionate della hit parade italiana del 1978, anno della promulgazione della legge 180, annullando cosi il gap temporale e amplificando la separazione che esisteva tra chi era in un certo modo nel mondo e a chi veniva impedito di esserlo.

DICHIARAZIONI D’AMORE

Riccardo Bargellini, Dama 2008. Tecnica mista su tela cm 150 x 100
Riccardo Bargellini, Dama 2008. Tecnica mista su tela cm 150 x 100

“Dichiarazioni d’amore”, un’installazione pittorica di Riccardo Bargellini, realizzata con quattro artisti attivi nell’ambito dell’Atelier Blu Cammello (Veronica Martinelli, Alessandra Michelangelo, Manuela Sagona, Riccardo Sevieri). È un decalogo di immagini tese a rappresentare, in dieci aperture di finestra, un’identità urbana, collettiva. Dieci tracce di pensiero, dieci momenti in cui una continuità si interrompe e tenta di vedersi da fuori. E percepirsi come tale. I dieci dipinti sono caratterizzate da titoli che omaggiano l’artista Alighiero Boetti.